Wong Kar-wai: east and eros


2046: Wong Kar–Wai’s Finest Moment di Douglas Singleton
22 marzo 2009, 4:52 PM
Filed under: 3. 2046

Every passenger who goes to 2046 has the same intention, to recapture lost memories.”

2046 is, quite frankly, Wong Kar-Wai’s finest film. It has the structural complexity of Chungking Express and Fallen Angels, and the thick atmospherics of In the Mood for Love. As luscious a film as In the Mood for Love is I was never quite sure that I actually enjoyed its languid pace and rambling scenarios. Great, lush cinematography to look at that leaves one empty, little emotional connection made with its characters. These reservations were confirmed when I re-watched In the Mood for Love recently on DVD and viewed scenes Kar-Wai edited out of his final cut—scenes which showed his characters’ passion, fire, and a consummation of love scene in a room “2046.” I wanted those scenes and he never gave them to me, though one understands why—the longing and unrequited love of In the Mood for Love gives the film its texture and in many ways was the point.

2046 improves on the emotional asceticism of In the Mood for Love by being expressly about the hinted-at passions of that film. 2046 uses as a starting point philosophical loose ends from its predecessor; takes these, garbles, recycles and then re-explores them along with ideas from a number of Kar-Wai’s earlier films. When you get inside its DNA, 2046 is a film so layered and folding in on top of itself that it is metaphysical filmmaking. One of the most elegiac films of a career filled with stunning cinematography, Kar-Wai might have fashioned a five-hour version and been justified. There are so many narrative strains that must have been left on the cutting room floor, appearing here and there as little improvisational riffs. There are at least four films here.

At the close of In the Mood for Love married newspaperman Tony Leung “blows” the secret of his desire for a love, also married, into a hole in the temple ruins of Angkor Wat in Cambodia, and covers the hole with mud. The first image of 2046 is a representation of that hole in an imagined, futuristic world, the bottling up and uncovering of emotional secrets referred to throughout. In 2046 Leung’s newspaperman, now divorced and moved to Singapore, is reminded of this old true love, someone he once shared a room “2046” with, when he comes across another woman who also resides in a room “2046.” The year is 1966, he moves next door and begins writing a science fiction novel set in the year 2046 where people take trains to a city (also named 2046) to get away from memories of lost lives and loves. In Mood for Love, Leung’s character was a demure, unhappily married man. In 2046, a few years into a “future 1966,” he is a womanizing playboy. That the film may be an imagining of a wished-for-persona is hinted at by Kar-Wai and even by Leung’s character himself as he proceeds to fashion a futuristic sci-fi story stand-in for his life. His story is played out metaphorically on at least three different narrative planes.

2046 is not a continuation or sequel to In the Mood for Love but an extrapolation and riff on scenarios and themes presented by it, as well as Kar-Wai’s 1991 Days of Being Wild. It takes the character of Mimi/Lulu from Days’ 1960 and places her roughly six years later in the midst of a future affair with 2046’s Leung character and a mysterious rock drummer in much the same way as her relationships with the Leslie Cheung and Jacky Cheung characters in Days. The results of these couplings are the same—tragically unsuccessful, this love impossible to maintain in any context. 2046 represents lost love and memories for not only its own characters and the characters from previous Kar-Wai films, but for Wong Kar-Wai himself as he reflects back on his history as a filmmaker. It is omni-reflectional. In the sci-fi story Tony Leung’s writer fashions—the imagined source of the beautiful futuristic film within a film—a female android and her human lovers stand in not only for the characters and lives of individuals in its present day 1966, but also those from In the Mood for Love’s 1962, and Days of Being Wild’s 1960. The meticulously fashioned sci-fi world recalls not only obvious influences like Ridley Scott’s Blade Runner but Kar-Wai’s own Chungking Express in which mysterious individuals run amok in a dark, rainy otherworld searching for sexual and spiritual transcendence.

Lacking an understanding of characters and scenarios from Kar-Wai’s previous films might render 2046 indecipherable, but with such an understanding it is revelatory, akin to how an understanding of Orson Welles’ film oeuvre makes his F for Fake a richer experience. 2046’s narrative, though non-linear and layered, stands on its own; its cinematic lusciousness surpasses In the Mood for Love, and its extended middle section detailing Zhang Ziyi and Leung’s passionate love affair is yet another enthralling, sexy movie within the movie.  2046 is cinematic chiaroscuro reaching for emotional, thematic complexity to sum up the maturation of a career.



Wong Kar-wai, turista del tempo di Leonardo Gliatta
22 marzo 2009, 4:48 PM
Filed under: 3. 2046

Visioni di un amore. Di un unico, eterno amore. Quello tra Maggie Cheung e Tony Leung, probabilmente. Quello di tutte le vite, quando sono nel mood giusto per l’amore. Questo 2046 è l’odissea nel tempo di Wong Kar-wai, un treno che viaggia lungo un unico binario morto, indietro, nel passato, avanti, nel futuro, sempre nel 2046. Anche Tony Leung è rimasto imprigionato nella corrente dei ricordi, è salito su questo treno qualche anno fa, in un altro film chiamato In the Mood for Love, è da allora non è più sceso. Il treno si è fermato a tutte le stazioni, languide passeggere sono salite e sono riscese alla stazione successiva, ognuna di esse aveva qualcosa, un particolare riconoscibile, un’acconciatura, un modo d’incedere, una luce negli occhi che apparteneva a Lei, la donna perduta. Ogni donna salita sul treno per il 2046 porta con sé il profumo dolceamaro della promessa, che si dilegua in un batter d’occhi. Per chi attendeva il film innovativo, futuristico, che avrebbe segnato un passo in avanti nella filmografia del regista di Hong Kong, rimane la delusione di vedere storie “wonghiane”. I balletti d’amore, le schermaglie, le donne troneggianti, l’immancabile Leung sempre più glamour nelle sue pose hollywoodiane, sono variazioni di stile sul tema dell’amore non corrisposto. Dov’è la novità di 2046 ? Nel cast stellare, che fa di questo film il primo china-movie con un tasso di fascinazione superiore alle pellicole del periodo d’oro di Hollywood ? Sarebbe come dare del manicheo a Wong Kar-wai, del semplice mistificatore. Nel ritmo calibrato al minimo dettaglio dell’entrata in scena delle tre dame di cuori, la bellezza mozzafiato della prostituta Zhang Ziyi, che ama fuori tempo sulle note di Siboney, la Casta Diva dell’Oriental Hotel, Faye Wong, che scrive lettere d’amore al ragazzo giapponese che non può amare, e Gong Li, enigmatica giocatrice d’azzardo, la mano guantata di nero, splendida nella sua Perfidia ? Forse, ma non solo. Qual è l’alchimia di un film entrato nella mitologia del cinema prima ancora che se ne fosse visto un solo fotogramma ? 2046 è il ricettacolo di tutte le magnifiche ossessioni wonghiane. Prima tra tutte il Tempo. Tempus fugit, diceva qualcuno, e ben dovevano conoscere questo motto i produttori del film, che inseguivano pervicacemente il sogno di un capolavoro. Il tempo come durata filmica, il primo lungometraggio nella filmografia di Wong a durare due ore e dieci minuti, che rimane pur sempre poca cosa in confronto ai chilometri di pellicola girati in cinque anni di lavorazione. Il tempo beffato di Cannes, primo caso nella storia del Festival della Croisette di proiezione ufficiale alla stampa rimandata. Il tempo viaggiato, o il viaggio attraverso il tempo che non ha mai fine, perché il tempo è quello dei ricordi. Il tempo della musica, con espliciti omaggi al cinema europeo (Peer Raben, il compositore dei film di Fassbinder, il tema di Julien et Barbara da Finalmente domenica di Truffaut), con il visionario Umebayashi che dipinge struggenti soundscapes, fino all’Adagio de Il Giardino Segreto che avvolge in un disperato abbraccio l’androide Faye Wong e il viaggiatore Takuya Kimura. Il tempo dei Natali, scadenze intermittenti che segnalano l’avvicendarsi delle solitudini.

Il tempo che fa da ponte tra un film e l’altro, gli echi delle distanze, i riferimenti incrociati tra In the Mood for Love e 2046, due figli illegittimi di un Kronos tiranno, che non si vuole separare dalle sue creature. Le corde tese tra un film e l’altro potrebbero rendere i lungometraggi due episodi di una stessa storia, e così leggere 2046 come il seguito della storia d’amore di In the Mood for Love : Mr. Chow, abbandonato dalla donna amata, diventa un cinico e disilluso playboy e continua a scrivere romanzi di fantascienza trasferendosi nella stanza 2047, accanto a quella che è stata testimone del suo amore furtivo per la signora Chan. Ricordi perduti, segreti inconfessati, lacrime roventi, sguardi reticenti, gli anni Sessanta, fumo di sigarette, lettere d’amore che non arrivano a destinazione, appuntamenti mancati, amori traditi, androidi inceppati. 2046 è tutto questo e anche di più. Siamo in pieno territorio wonghiano, declinato in ogni sua forma e nuance. Una summa teologica di tutto il suo cinema, la riprova concreta che il suo è un cinema polisensoriale, che coinvolge quei sensi che il cinema spesso non contempla, come l’olfatto, il tatto e il gusto. Un cinema che soddisfa, come dopo un pranzo in un ristorante di nouvelle cuisine, di cui non hai capito bene gli ingredienti delle varie portate, ma la disposizione del cibo nei piatti, le decorazioni ornamentali, il gusto impeccabile per i particolari ti hanno fatto alzare da tavola leggero, con la sensazione di aver preso parte ad un evento culinario e con le papille gustative in trionfo.

[novembre 2004]



L’amore ricordato di Wong Kar-wai di Chiara Ugolini
22 marzo 2009, 4:45 PM
Filed under: 3. 2046

Tony Leung e Zhang Ziyi in una scena di '2046'

Tony Leung e Zhang Ziyi in una scena di ‘2046’

Lo avevamo lasciato tradito dalla moglie, deluso dalla vita e nell’impossibilità di cominciare un nuovo amore nel film In the mood for love. Lo ritroviamo in 2046, cinico e disilluso, alla casa prefersice una stanza d’albergo e ai rapporti sentimentali non crede più. E’ lo scrittore-giornalista Chau, alias Tony Leung, attore feticcio del regista Wong Kar Wai che lo ha voluto come protagonista dei suoi ultimi due film. Il regista di Hong Kong e l’attore cinese, presente in questi giorni sugli schermi italiani anche con Hero, sono a Roma per parlare del film che esce il 29 ottobre distribuito dall’Istituto Luce.

IL MIO FILM UN INVITO A CENA
Occhiali neri sempre calzati, non troverete una foto in cui non li abbia, sigaretta costantemente accesa come il protagonista dei suoi film, Wong Kar Wai è arrivato a Roma da Milano dove ieri ha parlato del suo prossimo progetto, ‘La signora di Shanghai’, con Nicole Kidman. Il regista ha voluto spiegare perché le sue storie d’amore finiscono sempre male. ”Penso che raccontare la storia di due persone che si incontrano, si innamorano a prima vista e poi si amano per tutta la vita sarebbe il film più noioso della storia del cinema e nessuno ci crederebbe. Anche se nei miei film non c’è il lieto fine, noi offriamo sempre molte possibilità. Per me il film è come un pasto, in cui noi portiamo gli antipasti e il piatto principale e il pubblico deve occuparsi del dessert. Voglio che ogni spettatore trovi il suo finale personale”.

L’AMORE COME MALATTIA DEL RICORDO
”Penso che questo film sia indirizzato soprattutto agli uomini, perché siamo soprattutto noi ad apprezzare una persona che abbiamo amato solo quando non l’abbiamo più. L’ossessione di Chau è quella di continuare a paragonare tutte le donne che incontra con quella che ha amato e perduto”.

RACCONTO LA HONG KONG DEL PASSATO PER NON DIMENTICARLA In concorso a Cannes, dove il film era arrivato non finito e con un giorno di ritardo, 2046 prosegue la storia di Chau nel suo girovagare nel passato, nel tornare in contatto con le donne che ha consciuto e forse amato. 2046 è un numero di stanza d’albergo, è l’anno in cui è ambientata la sua storia cibernetica ed è un luogo, un luogo da cui nessuno è tornato, dove tutto rimane immutato. Proprio il contrario di quello che accade a Hong Kong. ”Honk Kong è una città che cambia in fretta, che si sta letteralmente mangiando il suo passato. Molti luoghi stanno scomparendo e io ho scelto di fermarli attraverso la pellicola prima che scompaiano anche dalla memoria. Questo è un film sui ricordi, anche sui miei ricordi, ed è per questo che molti dei personaggi dei miei film precedenti li ritroviamo qua”.

IL RITMO LENTO DEI FAVOLOSI ANNI SESSANTA
Gli ultimi tre film di Wong Kar Wai (se si considera anche il suo episodio nel film ‘Eros’) sono ambientati negli anni Sessanta. Un periodo che il regista ama molto e che vuole preservare. ”I miei film hanno un ritmo lento perché raccontano di un tempo in cui la vita aveva quell’andamento. Le persone negli anni Sessanta avevano più tempo e non correvano senza sossta, come succede oggi”.

”Nel film ‘In the mood for love’ avevo scelto una colonna sonora di quell’epoca, era musica che avrebbe potuto tranquillamente essere trasmessa da una stazione radiofonica di quegli anni. In ‘2046’ invece ho mescolato i generi e i periodi miscelando opera lirica, musiche originali, colonne sonore di altri film e canzoni latine di quegli anni. Il risultato però mi sembra un buon ritmo al quale ballare con il pubblico”.

(16-10-2004)



2046 di Federico Frigerio
22 marzo 2009, 4:34 PM
Filed under: 3. 2046


Interpreti : Tony Leung Chiu Wai, Gong Li, Faye Wong, Takuya Kimura, Zhang Ziyi, Carina Lau Ka Ling, Chang Chen, Dong Jie, Maggie Cheung, Byrd Tongchai Mcintyre
Sceneggiatura : Wong Kar Wai
Fotografia : Christopher Doyle, Lai Yiu Fai, Kwan Pun Leung
Montaggio : William Chang Suk Ping
Musiche : Shigeru Umebayashi, Peer Raben
Produzione : Wong Kar Wai, Eric Heumann, Ren Zhonglun, Zhu Yongde
Produttore esecutivo : Chan Ye Cheng,  Ren Zhonglun
Visual effects : Buf
Data di uscita : 2004

2046 è un esperienza disorientante.

Sembrerebbe una mera rappresentazione cinematografica di stampo prettamente erotico, priva di ogni qualsivoglia approfondimento introspettivo che vada al di là del semplice voyeurismo di fitzgeraldiana memoria.

La stessa mano di Kar-Wai determina la caduta di questa apparente pantomima dell’eros proprio in quell’estremo tentativo di voler coniugare ad ogni costo i fumosi elementi classici a quelli di un improbabile futuro, in cui la staticità e muta glacialità dei personaggi non riesce, neppure con le migliori intenzioni, a conciliarsi con quanto rappresentato nell’ultimo viaggio verso 2046… ne risulta un chiaro compendio gratuito ed evitabile.

2046 è un romanzo, ma per chi lo sta scrivendo è semplicemente il numero di un appartamento preso in affitto, ove i corpi degli affittuari di 2046 e 2047 si consumano vicendevolmente.

Questo solo  in superficie…

un tempo quando uno aveva un segreto da nascondere andava in un bosco, faceva un buco in un tronco e sussurrava lì il suo segreto, poi richiudeva il buco con del fango così il suo segreto sarebbe rimasto sigillato per l’eternità…”

ho amato una donna

In the Mood for Love chiudeva con la figura di Chow intento a bisbigliare nella fessura di una rovina cambogiana, affidando ad un’altra vita, ad un’altra epoca, se stesso… 2046 pur non sviluppandosi come una lineare evoluzione di quanto anticipato dal precedente capitolo ne raccoglie l’eredità in un progetto più ambizioso.

Prendendo spunto infatti da un accordo datato 1997 secondo il quale il governo cinese ha promesso cinquant’anni senza cambiamenti (attualmente Hong Kong vive di una reggenza provvisoria) il regista ha saputo far ruotare attorno al fatto storico i suoi personaggi fissando tutta la struttura narrativa su basi cicliche che si inseguono, affascinandoci inevitabilmente.

Ecco che gli affanni dei protagonisti, impegnati a rincorrere e a rincorrersi nel tempo, diventano pretesto e si trasformano in puro strumento di piacere; i conseguenti e ripetuti scambi di liquidi biologici altro non sono che un palliativo, un surrogato di un’incessante masturbazione che non riesce a trovare riparo nemmeno nell’appagamento sessuale.

Si potrebbe parlare di omaggio ai percorsi della solitudine.

Riverenza, questa, che sublima nel rivelare l’immagine in perenne movimento di quel treno, alla ricerca di un baricentro esistenziale, e allo stesso tempo vittima fin troppo consapevole di una impossibilità oggettiva ad incorrere in un reale abbandono.

La grandezza di Kar-wai risiede nella sua audacia a tradurre in immagini le condizioni e la fragilità dell’uomo, riuscendo nello stesso tempo a strumentalizzarle senza mai renderle volgari.

Egli offre il suo punto di vista, spontaneo e fortissimo atto d’amore rivolto al destino di un paese.

Mentre la fotografia, affidata alle sapienti mani di Christopher Doyle, Kwan Pung-Leung e Lai Yu-Fai, regala allo stesso tempo uno spettacolo visivo appagante. Complici, in ciò, quelle saturazioni di tono sapientemente eccessive che dilatano i contorni degli oggetti, talvolta fino a disperderli nell’obbiettivo; quelle inquadrature che costringono i personaggi in un secondo piano perenne e riducono lo spettatore a una sorta di terzo incomodo che si limita a spiare ciò che succede, nascosto dietro un armadio, o dal buco di una serratura.

Persino quando potrebbe offrire qualcosa di più di un semplice mezzobusto, il grandangolo preferisce ugualmente prendersi la libertà di giocare con le inquadrature e posarsi su qualcosa di volutamente secondario piuttosto che assecondare le ovvietà.

La brillante interpretazione di Chow (Tony Leung Chiu-wai), mutato caratterialmente nei tre anni che separano le due storie, accentua il definitivo abbandono delle illusioni amorose nei confronti di Su Li-Zhen (Maggie Cheung) vera grande assenza della pellicola, costretta a rivivere unicamente nella portata di quei brevi ma intensissimi fotogrammi in bianco e nero in una regressione che coinvolgerà lo stesso autore. Volti noti nell’universo personale del regista sono infatti quelli che appartengono alle donne impegnate contro l’impotenza emotiva del protagonista; basti pensare al personaggio Lulù (Carina Lau) la Mimì di Days of Being Wild che assieme alla controparte maschile (Chen Cheung) verrà divisa fra presente e futuro in un duplice ruolo (caso tutt’altro che isolato in una pellicola pregna di autocitazioni usate con garbo).

Ricordi, questi, appartenuti allo stesso Kar-wai che non a caso sceglie di ambientare la storia a cavallo degli anni sessanta, periodo che collima con l’infanzia del regista e rende quasi palpabile la nostalgia verso quei giorni… tempi di incertezze economiche senza dubbio, ma ugualmente vinte dall’ottimismo delle persone… in quel loro relazionarsi… nell’organizzare interminabili partite a Mah- Jong presso quelle salette d’albergo di seconda categoria tanto care all’autore; ricordi…ricordi di quelle cose che si sono perse col tempo, fino quasi a scomparire del tutto.

Eppure, la presenza di tutti questi elementi non è stata sufficiente ad allontanare la sensazione che ai personaggi in carne e ossa venga affidato un ruolo alquanto secondario; sensazione che viene via via amplificandosi a causa dei continui rimandi storici, nell’epilogo finale e per il perpetuo moto delle immagini, e spinge in superficie il reale segreto che Kar-wai sussurra non in un tronco privo di fango ma alla stessa pellicola, affidando nuovamente se stesso ad un’altra vita, ad un’altra epoca.

Ed è proprio in un’era dominata dall’eccesso di autobiografismo come giustificazione sociale, che 2046 si pone come un grido di dolore lanciato da un uomo innamorato e affascinato dal tempo, che ha affidato ad una mirabile pellicola il compito di traghettarci verso un appuntamento obbligato con la vita e dalla vita, con il tempo e dal tempo.



Il passato che torna a cercarci di Marco Luceri  
22 marzo 2009, 4:28 PM
Filed under: 3. 2046

E’ stato uno dei film più attesi dell’anno questo 2046, ultima fatica del maestro di Hong Kong, quel Wong Kar Wai salito alla ribalta mondiale con lo splendido In the Mood for Love, che quattro anni fa lo proiettò nell’empireo dei grandi autori contemporanei. Presentato all’ultimo festival di Cannes in una versione non ancora definitiva, 2046 si è visto scippare la Palma d’oro dal documentario militante Farehneit 9/11 di Michael Moore, ma nonostante questo le aspettative per l’uscita nelle sale italiane non sono state deluse, anche perché sempre più raramente ormai capita di vedere film di una così rara intensità poetica e visiva come 2046.

Regista della solitudine e degli amori metropolitani, Wong Kar Wai riparte proprio dalla fine del film precedente, come a costruire di questo un’ideale continuazione ed approfondimento. Il protagonista porta lo stesso nome di quello di In the Mood for Love, Chow Mo-wan, ed è interpretato dallo stesso attore, Tony Leung (volto feticcio del cinema di Wong Kar Wai, premiato a Cannes per l’interpretazione nel 2000). Tuttavia, se dai titoli di testa tutto sembra ricondurci al secondo episodio di un film già visto, i primi folgoranti minuti, sospesi tra due epoche diverse eppure immobili, indicano ben presto come l’intero approccio sia cambiato.

Se In the Mood for Love è un film d’amore, 2046 è un film sull’amore. La posta, insomma, si alza, e con essa la pretesa da parte del regista cinese di condurci in un non luogo, privo di coordinate spazio-temporali, chiamato memoria. Ma si sa, i ricordi, soprattutto quelli d’amore, “sono sempre bagnati di lacrime”; per questo motivo il filo conduttore che lega il tutto film dal punto di vista narrativo non è altro che la rievocazione, da parte di Chow Mo-wan (scrittore soprattutto di romanzi erotico-sentimentali), degli amori che hanno segnato la sua vita e che lui rivive nella memoria attraverso il libro che sta scrivendo: un romanzo di fantascienza ambientato nel futuro, nel 2046, appunto.

Un'immagine del film

Questo numero misterioso ricorre spesso nel film ad indicare più elementi simbolici: oltre al libro, è il numero della camera d’albergo dove Chow Mo-wan consuma i suoi amori più travolgenti (lui alloggia nella camera accanto, la 2047), è anche il nome del luogo futuro, misterioso e senza tempo, da dove dice di venire all’inizio del film ed è soprattutto l’anno in cui la città-stato semindipendente Hong Kong tornerà definitivamente a fare parte integrante della Cina (nel 1997 è iniziato il processo di passaggio dalla sovranità britannica a quella cinese).

Quest’ultimo elemento, extradiegetico naturalmente, permette a Wong Kar Wai di strutturare il film sulla stretta connessione tra le storie d’amore raccontate e l’idea di costante cambiamento che scandisce il loro svilupparsi ed infrangersi nella dimensione del ricordo. E’ chiaro dunque che in 2046 siamo lontani da una struttura di tipo bergmaniano o proustiano, in cui la ricostruzione della memoria (perduta) procede attraverso un’associazione mediata tra oggetti/eventi presenti e personaggi passati. In questo film, le tre dimensioni temporali sono svuotate del loro valore intrinseco, diventano flussi indistinti in cui perdersi dolcemente e amaramente: c’è un continuo rimbalzare d’identità tra tutti personaggi e le loro storie.

Così la gigantesca soggettiva di Chow Mo-wan all’inizio del film diventa in realtà alla fine un’oggettiva del film stesso, in una confusione d’identità e di punti di vista che arriva a coinvolgere lo spettatore. Veniamo cioè proiettati in quel luogo indefinito dal nome 2046 in cui il concetto di tempo è superato, in una confusione di codici linguistici, visivi e di pulsioni che ricorda molto le splendide “mancanze piene” di Blade Runner (e in effetti la ricostruzione in digitale della futuribile città ricorda molto le scenografie del film di Ridley Scott).

Un'immagine del film

Chi ci guida allora in questa avventura sentimentale della memoria negli anni Sessanta è il nostro scrittore Chow Mo-wan, gran frequentatore di feste ed appuntamenti mondani, ognuno dei quali diventa occasione per incontri sentimentali con donne bellissime ed elegantissime. La prima che ci viene presentata è Lulu (Carina Lau), una torbida donna sedotta ed abbandonata che dispensa lacrime e lussuria nella stessa maniera e di cui naturalmente ne approfitta Chow Mo-wan, forte del suo cinismo elegante e dei suoi modi affettati. Lei è anche la prima affittuaria della camera 2046. Il legame che lega lo scrittore a lei, spinge quest’ultimo a trasferirsi nell’albergo e ad affittare la stanza adiacente, la 2047.

Da qui in poi inizia il processo (caro al regista hongkonghese) di lenta trasformazione dello spazio scenico degli interni in un vero e proprio personaggio. Caricati dal cromatismo avvolgente della fotografia di Christopher Doyle (lo stesso di In the Mood for Love) le camere d’albergo diventano un mosaico perfetto dove tra letti, lampade, tappeti e soprattutto specchi si intrecciano le torbide passioni amorose dei suoi affittuari, consumate e non, quasi tutte votate, nella loro impossibilità intrinseca, alla lunga agonia. Fa parte di questa magistrale creazione d’atmosfere, come sempre nei film di Wong Kar Wai, anche la musica, il cui uso lo stesso regista ha voluto definire “impressionista”. Oltre ai brani originali (composti da Umebayashi Shigeru), sono presenti arie d’opera (ricorre spesso Casta diva dalla Norma) e pezzi di Xavier Cugat, Dean Martin, Nat King Cole, ripresi anche in più versioni (come Siboney di Cugat, che compare in una cover di Connie Francis); e inoltre temi presi da altri film come Finalmente, domenica! di Truffaut e Non uccidere di Kieslowski (scritti rispettivamente da Georges Delerue e Zbigniew Preisner).

Su tutte le storie storia d’amore che si susseguono in 2046 è centrale quella tra Chow Mo-wan e la bellissima Bai Ling, interpretata dalla giovane Zhang Ziyi (nuova stella emergente del cinema cinese). La forte carica erotica impressa da Zhang Ziyi al suo personaggio, una lussuriosa ragazza che come una mantide si diverte a “divorare i suoi amanti”, permette alla storia di scivolare via verso un’autodistruzione dove il sesso, il denaro e l’orgoglio sembrano avere la meglio sui sentimenti profondi dell’anima. Ma è solo apparenza, come quella degli specchi che riflettono continuamente le sagome dei due amanti perduti.

Un'immagine del film

L’impossibilità di cancellare il ricordo d’amore diventa l’inizio di una nuova vicenda tormentata, quel cercarsi e perdersi continuamente, tema ricco di suggestioni e sempre presente nella filmografia di Wong Kar Wai. Speculare a questa vicenda, e spesso intrecciata con essa, è anche l’amore impossibile che lega Su Li Zhen (Gong Li), figlia del padrone dell’albergo, ad un giovane che vive in Giappone, di cui è follemente innamorata e a cui scrive infuocate lettere d’amore. L’ambigua complicità che Chow Mo-wan stabilisce con lei serve al regista hongkonghese per sottolineare come la scrittura sia uno dei mezzi fondamentali per riuscire a conservare il ricordo di un amore passato o impossibile. E’ questo il significato profondo anche del personaggio interpretato da Tony Leung, che è appunto un giornalista e scrittore, un narratore che proietta nel mondo fantasmagorico della creazione le proprie storie ed ossessioni.

Il quadro molto desolante che si ricava alla fine di 2046 è una rarefazione assoluta, con personaggi ossessionati dai rimpianti e dalla solitudine, persi nella nebbia amniotica di non luogo precario e senza tempo chiamato memoria, da cui nessuno forse, una volta in viaggio, può più tornare. L’amore allora, secondo Wong Kar Wai, è simile a questo misterioso luogo pieno di dolori e fratture, senza del quale però, sembra impossibile l’esistenza, come dice lo stesso Chow Mo-wan, nell’ultimo addio alla sua amante nera Mimi: “Non piangere mai, e se un giorno dovessi sfuggire al passato torna a cercarmi”.



Wong e il suo attore feticcio parlano di 2046
12 marzo 2009, 10:25 PM
Filed under: 3. 2046

Wong Kar-Wai e Tony Leung su ‘2046’

a cura di Marco Minniti
Nella neonata Casa del Cinema, sita al centro di Roma, un gran numero di giornalisti ha accolto due ospiti molto attesi: si tratta di Wong Kar-Wai e Tony Leung, rispettivamente regista e protagonista di “2046”.
Wong Kar-Wai e Tony Leung su '2046'
Nella neonata Casa del Cinema, sita in mezzo al verde di Villa Borghese al centro di Roma, un gran numero di giornalisti ha accolto due ospiti che erano attesi quasi quanto il loro film, Wong Kar-Wai e Tony Leung Chiu Wai, rispettivamente regista e protagonista di 2046: film, questo, che segna il ritorno dietro la macchina da presa del regista hongkonghese quattro anni dopo In the mood for love, film di cui quest’opera è il seguito.

Wong, nel film c’è una battuta in cui al protagonista chiedono: “Perché scrivi di erotismo?” Anche alla luce del recente Eros, presentato a Venezia, qual è, per lei, il fascino di raccontare storie che trattano questo tema?

Wong Kar-Wai: Innanzitutto, il motivo principale per cui ho partecipato a Eros è stato il mio grande rispetto per Michelangelo Antonioni; è lui che ha voluto quel titolo. 2046 è un film incentrato sull’amore, sulle diverse storie vissute dal protagonista: c’è quella con la prostituta vicina di stanza che è molto “fisica”, ma questa è solo una delle componenti di questo rapporto, e più in generale dei temi trattati nel film.

Perché le storie d’amore raccontate nei suoi film spesso finiscono male?

Wong Kar-Wai: Un film con due persone che si incontrano, si amano a prima vista e poi vivono felici e contente per il resto della loro vita sarebbe terribilmente noioso, e del tutto fuori dalla realtà. Il finale di questo film, in fondo, pur non essendo un happy ending, è aperto, contempla diverse possibilità: fare un film, per me, è come offrire un pasto allo spettatore, io offro gran parte delle pietanze, ma è lo spettatore che deve aggiungerci il dessert.

Come ha scelto le musiche per il film?

Wong Kar-Wai: La musica ha sempre una notevole importanza nei miei film: fare un film è come “danzare” con il pubblico, bisogna trovare il ritmo giusto, che per ogni film è diverso.

Qual è la sua “formazione” cinematografica? Lei, insieme ad autori come Chen Kaige, Fruit Chan e Stanley Kwan fa parte di un gruppo di registi asiatici che hanno uno stile molto “europeo”.

Wong Kar-Wai: Siamo tutti cinesi, ma abbiamo background profondamente diversi. Io sono di Hong Kong, e da sempre il nostro cinema si nutre delle contaminazioni (anche occidentali) più diverse, un vero e proprio melange di influenze di vario tipo.

Come considera la situazione attuale del cinema di Hong Kong? Negli ultimi anni si produce molto di meno, rispetto al passato.

Wong Kar-Wai: Intorno al 1949 Hong Kong diventò il centro dell’intrattenimento in Asia, visto che i film che uscivano dalla Cina popolare erano pura e semplice propaganda. Certo, da noi, negli anni passati, si sono prodotti anche 300 film l’anno, ora la cifra è molto più bassa, anche a causa dell’apertura del mercato della Cina. Una delle strade per il nostro cinema, ora, sembra essere quella delle grandi coproduzioni, come La tigre e il dragone ed Hero, che coniugano produzione e regista cinesi, attori hongkonghesi e parte del cast tecnico americana.

Perché ha deciso di rimontare il film dopo il festival di Cannes? C’era qualcosa che non la soddisfaceva?

Wong Kar-Wai: Per Cannes, purtroppo abbiamo dovuto fare tutto di corsa, certe inquadrature fatte al computer non erano ancora pronte, così abbiamo dovuto inserirle in seguito e remixare il tutto. Il risultato finale, comunque, è molto simile, solo che ora è un po’ più “vestito”.

Tony Leung, com’è tornare, dopo quattro anni, nei panni dello stesso personaggio?

Tony Leung: E’ sicuramente sfiancante. Alla fine delle riprese ero confuso, mi ero immedesimato troppo, non sapevo più se io ero io o il mio personaggio. Ho avuto un’identificazione praticamente totale.

Lei ha interpretato, nel corso della sua carriera, personaggi molto diversi, alcuni problematici, lacerati (come in 2046 e In the mood for love), altri dalla statura epica, come in Hero o Chinese Odissey. Quale tipologia di personaggio preferisce?

Tony Leung: Sono approcci diversi: con personaggi come quello di Hero devo lavorare più con la mia immaginazione, considerata anche l’epoca storica in cui questi film sono ambientati, mentre con i ruoli come quello di 2046 mi è più facile immedesimarmi, visto che sono ruoli più vicini alla mia sensibilità.

Wong, i suoi film possono essere definiti tutti, o quasi, dei melodrammi. Qual è il suo rapporto con questo genere cinematografico?

Wong Kar-Wai: I miei film in realtà non sono melodrammi, la mia intenzione non è quella di fare film che rientrino in quel genere. Le mie, in realtà, sono storie che raccontano la vita delle persone, in cui ritroviamo sempre anche elementi melodrammatici.

Questo film, come il precedente, è ambientato negli anni ’60. Come mai questa fascinazione per quel periodo?

Wong Kar-Wai: Devo dire che sono stato molto bene, in quegli anni, è un periodo che ricordo con molto piacere. Hong Kong è una città che cambia aspetto molto rapidamente, che praticamente “mangia” il suo passato, e a me interessa “fissare” sulla pellicola certi momenti e certi luoghi, prima che scompaiano.

In Europa arrivano pochi film da Hong Kong: Tony Leung, per esempio, è sì un attore drammatico, ma ha interpretato anche diverse commedie. C’è la possibilità di rivederlo in ruoli comici, magari in film che abbiano anche una distribuzione europea?

Wong Kar-Wai: Io credo che lui sia uno dei nostri migliori attori, non solo limitatamente a Hong Kong, ma nella nostra intera industria. Ha cominciato prestissimo, a 18 anni era già un idolo, può interpretare ruoli diversissimi. Ha un grande senso del ritmo della recitazione, una caratteristica che ben si addice alla commedia.

Tony Leung: A me piace interpretare ruoli diversi, di vario tipo. La commedia, per me, è una sorta di terapia, che mi serve per riappropriarmi di un giusto equilibrio dopo aver interpretato ruoli drammatici.

Wong, quali sono le caratteristiche che lei apprezza di più nei suoi attori, e in generale in coloro che di solito collaborano con lei?

Wong Kar-Wai: Il nostro modo di fare cinema è diverso da quello degli altri, spesso ci troviamo a lavorare su copioni non completi, ci sono diverse attese, i tempi possono allungarsi di molto. Nella troupe che lavora con me, proprio alla luce di questo apprezzo molto la fiducia, la reciproca comprensione, caratteristiche tali da fare in modo che, alla fine, il film sia di tutto il team, non di una sola persona.

Nei suoi film si vedono spesso personaggi che cercano sé stessi nelle storie d’amore. E’ una chiave di lettura valida, questa, per i suoi lavori?

Wong Kar-Wai: Indubbiamente in questo film parto da un punto di vista diverso da quello di In the mood for love. Lì i protagonisti erano due, qui la storia è incentrata su una persona, che è cambiata rispetto al film precedente, che ha rapporti profondamente diversi con donne diverse, e che apprezza le donne che ha amato solo quando fanno parte del suo passato.

In questo film sembra di vedere più di un legame con i suoi film precedenti; non solo, come è ovvio, con In the mood for love, ma anche con lavori quali Ashes of time e Days of being wild. E’ d’accordo?

Wong Kar-Wai: Certo, il film può essere considerato, per certi versi, una “riunione” di tutti i miei film precedenti. Non dimentichiamoci che si tratta di un racconto di memorie, e da questo punto di vista è normale che ci siano anche le mie.

Negli ultimi anni la popolazione di Hong Kong è molto cambiata. C’è qualcosa che lei vorrebbe raccontare della “nuova” Hong Kong?

Wong Kar-Wai: Secondo me è ancora molto difficile vedere i cambiamenti che ci sono stati a Hong Kong dopo la riunificazione con la Cina. E’ un processo graduale, come quando ti guardi allo specchio e ti sembra di essere sempre uguale, poi incontri un tuo amico che non vedi da lungo tempo, e lui ti dice che sei completamente cambiato. E’ un processo ancora in corso, è troppo presto per raccontarlo. Se ne riparlerà fra 10-15 anni: a quel punto, forse, i cambiamenti del dopo-1997 saranno evidenti.

Data di pubblicazione: 21.10.2004